In Trentino ci sono aziende agricole che sono anche didattiche. Si va lí e si impara a fare qualcosa. Mungere le mucche, riconoscere le erbe, fare il formaggio.

Ho avuto la fortuna di andare nell´azienda gricola “Soto al Croz” a Lavarone, gestita dalla simpatica  Marisa, signora molto attenta alla natura e soprattutto alle sue mucche che chiama tutte per nome.

soto-al-croz

La storia di come si fa il formaggio nasce porprio dalla sua stalla dove viene prodotto il latte.

mucca

Ci viene dato, un litro di latte crudo tiepido e un bicchierino con dentro il caglio e il formaggio che otterremo é tipo un “primo sale”

Il procedimento é semplicissimo. Si versa il caglio nel latte e si mescola un pó. Poi si copre e si aspetta una ventina di minuti. Nel frattempo ne approfittiamo per fare merenda con delle delizione torte fatte in casa. Quando ritorniamo ai nostri posti, il latte ha assunto una consistenza gelatinosa.

come-si-fa-il-formaggio1
Ora con un coltello tagliamo questo budino con tagli verticali e orizzontali. e mischiamo per fare dei pezzi ancora piú piccoli. Dopodiché  con la schiumarola si prende la cagliata e la si mette nelle fuscelle per il formaggio.

come-si-fa-il-formaggio2
Si preme un pó con le mani e si aspetta poi che il siero in eccesso coli via.

come-si-fa-il-formaggio3
Poiché la cagliata diventa consistente, si puó anche togliere dalla fuscella, rigirarla e rimetterla nuovamente nella formina.

come-si-fa-il-formaggio4
Ora che la parte piú difficile é  stata fatta, bisogna solo lasciate riposare il formaggio diverse ore, meglio anche 1 notte nelle fuscelle e posizionando sotto un piattino  perchè potrebbe uscire ancora del siero.